Raccolta differenziata

EcoDizionario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W

I termini ecologici più utilizzati, ma anche quelli meno comuni, le associazioni, le organizzazioni che operano per l'ambiente, le sigle principali.

Le tecnologie verdi, le tipologie di rifiuto e tante altre informazioni: scopri l'ecodizionario, il dizionario ecologico che ti aiuta a diventare più verde!

Risparmio energetico ed energia pulita: funzionano.

Scopri il risparmio energetico.

Quello che dobbiamo fare è democratizzare l'energia. La terza rivoluzione industriale significa dare potere alle persone e per la generazione cresciuta con la Rete questo è la conclusione e il completamento di questa rivoluzione, proprio come ora parliamo in Internet, centinaia di persone sono in Internet, ed è tutto gratuito, e questi possono creare il più grande, decentralizzato, network televisivo, open source, condiviso … perché non possiamo farlo con l'energia ?

Jeremy Rifkin

 

I temi "caldi": raccolta differenziata, Cip6, risparmio energetico, casa ecologica, certificazione energetica.

  • Casa in paglia, Casa ecologica, bioedilizia
  • Certificazione energetica, conto energia
  • Discarica, percolato, come funziona una moderna discarica
  • Raccolta differenziata
  • Risparmio energetico
  • ambientale
  • Energie rinnovabili, enrgia solare, fotovoltaico
  • Inceneritore, come funziona, danni alla salute
  • Cip6, cose'è, come funziona
  • Cambiamenti climatici, riscaldamento globale
  • Combustibili fossili, petrolio in Italia, carbone
  • Biozeta concimi naturali biologici
Riscaldamento globale fuori controllo

Riscaldamento globale fuori controllo

Entro la fine del secolo pianeta rovente.

10 anni per evitare una catastrofe climatica e sociale: in sintesi, è questo il contenuto del Quinto Rapporto Ipcc sullo stato del Pianeta.

Il testo, frutto di 6 anni di lavoro di 209 scienziati e 1.500 esperti, parla chiaro: se non modifichiamo subito i nostri comportamenti a livello locale e il modello assurdo di sviluppo basato su deforestazione e utilizzo di combustibili fossili a livello globale, la Terra si troverà ad affrontare uno scenario, nella più drammatica delle ipotesi, che prevede un innalzamento dei mari di oltre 60 cm e un aumento delle temperature medie vicino ai 4 gradi centigradi rispetto all'era pre-industriale.

Perché? L'Ipcc spiega che l'accumulo di CO2 in epoca pre-industriale era pari a 280 parti per milione, oggi siamo a 421, e l'indicatore continua a salire inesorabilmente al ritmo di oltre 2 parti/anno: considerato che 400 parti per milione costituiscono la soglia massima invalicabile per evitare seri danni all'intero ecosistema, l'uomo dovrebbe tagliare drasticamente l'utilizzo di gas e carbone e bloccare la deforestazione a partire da oggi. Assai improbabile, visto che le nostre azioni stanno seguendo passo passo la strada che porta allo scenario peggiore: 936 parti di CO2 per milione entro la fine del secolo porteranno ad uno situazione climatica insostenibile per tutti gli abitanti della Terra.

L'ipcc definisce"virtualmente certo" il cambiamento climatico e ammette che "per la prima volta ci è stato chiesto di esaminare l'ipotesi di un aumento compreso tra i 4 e i 6 gradi, quello appunto verso cui attualmente stiamo andando. In questo caso l'impatto sulla vita del pianeta sarebbe pesantissimo: i biologi ormai parlano di sesta estinzione di massa".

Laconico il commento di Greenpeace: "L'ultima volta che il nostro pianeta è stato esposto a concentrazioni di anidride carbonica superiori a 400 parti per milione le temperature erano di 4 gradi più alte e i mari avevano guadagnato fino a 40 metri: non sembra il caso di ripetere quell'esperienza dovendo trovar posto a 9 miliardi di esseri umani".

Non abbiamo più tempo, agisci ora!

Terra, 24 settembre 2013

Le altre novità dal mondo dell'ecologia e sui temi ambientali

Report Natura WWF 2018: dati drammatici ed incredibili

Report Natura WWF 2018: dati drammatici ed incredibili

Stiamo distruggendo l'Ambiente che ci ospita.

Riscaldamento globale: fermare l'aumento della temperatura non è un'opzione.

Riscaldamento globale: fermare l'aumento della temperatura non è un'opzione.

Senza azioni straordinarie, effetti drammatici per ambiente e persone.

Post-Growth: a Bruxelles una proposta concreta per un nuovo modello di sviluppo

Post-Growth: a Bruxelles una proposta concreta per un nuovo modello di sviluppo

Decrescita, soliderietà, ambiente, energie pulite: la sfida parte dall'UE.

Roghi di rifiuti tossici e industriali: mancano controlli e leggi adeguate.

Roghi di rifiuti tossici e industriali: mancano controlli e leggi adeguate.

Il presidente dei Medici per l'Ambiente Marfella illustra uno scenario sconfortante.

"Il Po d'AMare": a pesca di rifiuti prima che raggiungano il mare.

Esperimento promosso da Corepla per intercettare il marine litter.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29