Raccolta differenziata

EcoDizionario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W

I termini ecologici più utilizzati, ma anche quelli meno comuni, le associazioni, le organizzazioni che operano per l'ambiente, le sigle principali.

Le tecnologie verdi, le tipologie di rifiuto e tante altre informazioni: scopri l'ecodizionario, il dizionario ecologico che ti aiuta a diventare più verde!

Risparmio energetico ed energia pulita: funzionano.

Scopri il risparmio energetico.

Quello che dobbiamo fare è democratizzare l'energia. La terza rivoluzione industriale significa dare potere alle persone e per la generazione cresciuta con la Rete questo è la conclusione e il completamento di questa rivoluzione, proprio come ora parliamo in Internet, centinaia di persone sono in Internet, ed è tutto gratuito, e questi possono creare il più grande, decentralizzato, network televisivo, open source, condiviso … perché non possiamo farlo con l'energia ?

Jeremy Rifkin

 

I temi "caldi": raccolta differenziata, Cip6, risparmio energetico, casa ecologica, certificazione energetica.

  • Casa in paglia, Casa ecologica, bioedilizia
  • Certificazione energetica, conto energia
  • Discarica, percolato, come funziona una moderna discarica
  • Raccolta differenziata
  • Risparmio energetico
  • ambientale
  • Energie rinnovabili, enrgia solare, fotovoltaico
  • Inceneritore, come funziona, danni alla salute
  • Cip6, cose'è, come funziona
  • Cambiamenti climatici, riscaldamento globale
  • Combustibili fossili, petrolio in Italia, carbone
  • Biozeta concimi naturali biologici
Zero immissioni nel 2100: l'UE chiede più sforzi.

Zero immissioni nel 2100: l'UE chiede più sforzi.

Inquinamento al top, serve ambizione maggiore.

Alla Conferenza Onu sul Clima di Parigi, l’Unione Europea ha chiesto che venga ratificato un accordo globale che preveda il picco massimo di emissioni nel 2020, per poi passare al taglio del 50% entro il 2050 (rispetto ai parametri del 1990, gli stessi utilizzati per Kyoto) e all’ambiziosissimo “zero emissioni” entro il 2100.

Un vero e proprio “attacco” politico ai cambiamenti climatici causati dalle attività umane che però, purtroppo, sembra arrivare un po’ tardi e appare come l’ennesimo proclama molto incisivo sulla carta ma assai meno nella realtà.

L’effetto serra dovuto alle emissioni inquinanti non accenna infatti a diminuire, anzi: chiaro quindi che l’obiettivo dichiarato appaia, se non impossibile, almeno improbabile.

La deforestazione procede come procedono le ricerche di nuovi giacimenti petroliferi: come poter quindi pensare di invertire la rotta se i meccanismi di approvvigionamento energetico rimangono invariati?

Tra le “nuove” idee, l’UE vorrebbe introdurre il meccanismo dinamico di revisione, una sorta di “obbligo” per investitori e imprese di ridurre le emissioni, obbligo il cui rispetto andrebbe certificato ogni 5 anni…

I Paesi che si sono impegnati per la ratifica di questo ennesimo accordo sul Clima sarebbero 62, con una “copertura” del 70% delle emissioni globali.

Oltre all’ambizioso obiettivo, rimangono quindi fuori dall’accordo molti Paesi e circa il 30% dell’inquinamento mondiale: quante le probabilità di centrare il risultato “zero emissioni”?


Bruxelles, 19 settembre 2015

Le altre novità dal mondo dell'ecologia e sui temi ambientali

Post-Growth: a Bruxelles una proposta concreta per un nuovo modello di sviluppo

Post-Growth: a Bruxelles una proposta concreta per un nuovo modello di sviluppo

Decrescita, soliderietà, ambiente, energie pulite: la sfida parte dall'UE.

Roghi di rifiuti tossici e industriali: mancano controlli e leggi adeguate.

Roghi di rifiuti tossici e industriali: mancano controlli e leggi adeguate.

Il presidente dei Medici per l'Ambiente Marfella illustra uno scenario sconfortante.

"Il Po d'AMare": a pesca di rifiuti prima che raggiungano il mare.

Esperimento promosso da Corepla per intercettare il marine litter.

Scarsità d'acqua, pesticidi, aricoltura intensiva: agricoltura in UE al bivio.

Scarsità d'acqua, pesticidi, aricoltura intensiva: agricoltura in UE al bivio.

Troppa acqua e pesticidi per produzioni intensive che impoveriscono il terreno.

Dalle pile esauste una nuova tecnologia per fertilizzare il terreno.

Dalle pile esauste una nuova tecnologia per fertilizzare il terreno.

Micronutrienti dalla "massa nera" delle batterie esauste.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29