top of page
Cerca

8 giugno: Giornata degli Oceani, ma il Mediterraneo è invaso dalla plastica.

Aggiornamento: 9 giu 2019

Ogni minuto, secondo il rapporto 2019 WWF sulla gestione dei rifiuti, finiscono nel nostro mare una quantità pari a 34.000 bottigliette di plastica.

In un anno, raggiungono quasi le 600 mila tonnellate.

Un Mediterraneo quindi invaso e inquinato da plastica che dovrebbe essere intercettata dalla raccolta differenziata.

E invece finisce, soprattutto attraverso i fiumi, nel Mare Nostrum avvelenandone la fauna e la flora: tartarughe, pesci di ogni specie, cetacei ma anche uccelli vengono quotidianamente uccisi per cause legate all’ingestione di plastica.

E le previsioni non sono rosee: secondo una stima del WWF, entro il 2050 la quantità potrebbe addirittura quadruplicare, rendendo il Mediterraneo una vera e propria discarica, con conseguenze difficilmente immaginabili per l’intero ecosistema marino.

Il report analizza la situazione di 22 territori della regione mediterranea, dalla Spagna alla Turchia passando ovviamente dall’Italia: un’area che produce il 10% della plastica a livello globale, cioè il quarto produttore mondiale.

I danni ambientali, già oggi, sono evidenti, ma a questi si devono aggiungere quelli al tessuto economico (pesca e turismo): meno pesce e spiagge sporche allontanano il turismo e mettono in sofferenza i pescatori.

Ma il vero problema è la gestione degli rifiuti: secondo il WWF, sono proprio i governi dei Paesi interessati a non mettere in atto una politica che abbassi i costi della raccolta differenziata e al tempo stesso favorisca un sistema di economia circolare che privilegi materiali alternativi in un’ottica di progressiva diminuzione dell’utilizzo di plastica.

Ma la strada, purtroppo, sembra ancora lunga.


תגובות


bottom of page