2019 | Meg srl Tecnologie per l'Ambiente Costruzioni Meccaniche

Sede legale: via Archimede 10, 37036 San Martino Buon Albergo (VR)

P.iva/C.F. 03499710238

SHARING ECONOMY

Sharing economy, l'economia della condivisione e delle relazioni.

Per sharing economy si intende un modello di sviluppo economico basato sulla condivisione di beni e servizi (sharing), che mette al centro i bisogni dei consumatori limitando al minimo gli sprechi e i consumi inutili (comprare quel che mi serve e utilizzarlo solo quando serve).
 

I tre pilastri su cui si basa la sharing economy sono il riuso, il riutilizzo e la condivisione di beni e servizi, che costituiscono alcuni anelli fondamentali dell’economia circolare.
 

La sharing economy prevede quindi che imprese, istituzioni e cittadini mettano a disposizione il loro know-how in un’ottica di creazione di reti virtuose relazionali e produttive, una sorta di economia collaborativa.
 

In pratica, una rete di soggetti i interconnessi in grado di produrre quel che serve, quando serve.
 

In questo modo, l’economia circolare e, in particolare, la sharing economy, diventano protagonisti di un nuovo modo di pensare e di fare impresa, con uno stile di vita che predilige risparmio e ridistribuzione della ricchezza, facilita la socializzazione e contribuisce concretamente alla lotta all’inquinamento.
 

Si pensi per esempio al modello di condivisione turistico: più soggetti, connessi, offrono la possibilità di dormire in alloggi o stanze ad un prezzo equo e senza l’impatto ambientale di una struttura turistica tradizionale, oltre a favorire interscambi culturali e opportunità economiche.
 

Oppure al car sharing, che permette di utilizzare e condividere una macchina solo quando effettivamente serve.
Sono realtà già molto presenti e strutturate in tutto il mondo, con milioni di utenti solo in Italia.

 

Secondo una previsione di PriceWaterhouse  Coopers, in Europa il fatturato da sharing economy potrebbe arrivare a sfiorare i 600 miliardi di euro nel 2025.
 

Trasporti, residenziale, finanza collaborativa e servizi on-demand saranno i punti forti della sharing economy nei prossimi anni, con Germania e Gran Bretagna, ma anche Italia e Spagna, a guidarne la crescita: utilizzare servizi di condivisione e sostenere la sharing economy è un vantaggio per tutti!