2019 | Meg srl Tecnologie per l'Ambiente Costruzioni Meccaniche

Sede legale: via Archimede 10, 37036 San Martino Buon Albergo (VR)

P.iva/C.F. 03499710238

ECODIZIONARIO / F

PICCOLO ECO DIZIONARIO DEI TERMINI UTILIZZATI IN ECOLOGIA

A B C D E F G H I L M N O P R T U V W

FER (Fonti Energetiche Rinnovabili)
Per FER si intendono tutte le risorse energetiche di origine fossile che vengono assimilate alle fonti rinnovabili in virtù degli elevati rendimenti energetici.
Sono considerati impianti alimentati da fonti assimilate gli impianti di cogenerazione, gli impianti che utilizzano calore di recupero, fumi di scarico e altre forme di energia recuperabile in processi produttivi e in impianti, nonché gli impianti che utilizzano gli scarti di lavorazione e/o di processi e quelli che utilizzano fonti fossili prodotte esclusivamente da giacimenti minori isolati.
Fonti assimilate
Le fonti energetiche rinnovabili sono definite dall'art. 2, comma 15 del d. lgs. 79/99: "Fonti energetiche rinnovabili sono il sole, il vento, le risorse idriche, le risorse geotermiche, le maree (guarda video), il moto ondoso e la trasformazione in energia elettrica dei prodotti vegetali o dei rifiuti organici e inorganici."
FORSU
FORSU significa Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani.
Si tratta della frazione organica (scarti di cucina, potature, ecc) (guarda video) nel ciclo della raccolta differenziata (col metodo del porta a porta o del contenitore stradale).
 
Freon (CFC)
Col nome commerciale di freon viene identificata una famiglia di gas derivati dal metano e dall'etano. Si tratta di gas incolori ed inodori.
I freon hanno trovato una larghissima diffusione nell'industria del freddo, utilizzati come fluidi del ciclo frigorifero. Sono ormai stati abbandonati perché dichiarati tra i responsabili del "buco nell'ozono" (guarda video). Sono noti anche con la sigla CFC, acronimo di clorofluorocarburi.
 
FSC
L'FSC (Forest Stewardship Council o Consiglio per la Gestione Forestale Sostenibile) è un'organizzazione internazionale non governativa, indipendente e senza scopo di lucro, nata nel 1993 dall'iniziativa di un gruppo di associazioni ambientaliste che volevano passare dalla semplice preoccupazione per la crescente distruzione delle foreste (guarda video) ad azioni concrete per la loro conservazione.
Di fronte all'inconcludenza delle iniziative governative, l'idea è stata quella di usare il mercato facendo incontrare la domanda di consumatori sempre più sensibili agli aspetti ambientali e sociali del consumo, con l'offerta di produttori forestali capaci di gestire le foreste mantenendo la biodiversità e le funzioni ecologiche e portando reali benefici alle comunità locali. Per fare questo era necessario creare un sistema di certificazione che mettesse in grado il consumatore finale di riconoscere i prodotti realizzati con materie prime originate da foreste la cui gestione è sostenibile secondo criteri ben definiti e verificabili.
Coinvolgendo centinaia di rappresentanti di tutti i settori sociali, economici e ambientali interessati dalla gestione delle foreste, l'FSC ha elaborato una serie di "Principi e Criteri" per la gestione sostenibile delle foreste.
Sulla base di questi Principi e Criteri vengono definiti degli standard misurabili e verificabili sul campo. Per verificare la produzione forestale sostenibile l'FSC accredita enti di certificazione che si impegnano a seguirne principi, criteri e standard.
Oggi sono operativi sei enti di certificazione accreditati e molti altri stanno per completare le procedure di accreditamento, alcuni anche in Italia. I certificatori svolgono ispezioni molto accurate sul campo, e interpellano tutte le forze locali interessate alla gestione e conservazione delle foreste. L'FSC richiede anche che sia certificata la cosiddetta "catena di custodia", ovvero che si dimostri la possibilità di rintracciare sempre la foresta di origine di una certa partita di legname anche quando questa si unisce ad altre partite provenienti da foreste non certificate nei tanti passaggi che la portano dal bosco al negozio.
Attualmente, oltre 24 milioni di ettari di foreste in 40 paesi sono certificati FSC. Un'estensione ancora piccola rispetto a tutte le foreste produttive del mondo ma in continua crescita.
.